Sulla strage di Ustica, a diversi decenni di distanza, vari aspetti non sono ancora chiariti in maniera compiuta: dal coinvolgimento internazionale, segnatamente francese, libico e statunitense, con il DC-9 che si sarebbe trovato sulla linea di fuoco di un combattimento aereo, venendo infine bersagliato per errore da un missile, al cedimento strutturale, dall’attentato terroristico all’incidente “naturale”.

Le difficoltà dell’avvocato nel misurarsi in un scenario così complesso sono stati affrontati nella lezione dello scorso Venerdì 29 Novembre, tenuta da Ugo BIAGIANTI e Elisabetta FORLANI – il caso Ustica (Reati di attentato agli organi Costituzionali), nell’ambito del Corso di Alta Formazione di Diritto Penale Avanzato, coordinato dall’avv. Armando Macrillò, nel Dipartimento di Scienze Giuridiche della European School of Economics, diretto dal avv. prof. Giuseppe Cassano.